Intervista

Tre domande a Stefan Spörri, nuovo Presidente centrale della SSTS

Stefan Spörri è stato eletto nuovo presidente della Società Svizzera delle Truppe Sanitarie durante l'Assemblea dei delegati. In questa intervista racconta perché desidera impegnarsi al fianco della SSTS e cosa ha particolarmente a cuore.

Perché ha deciso di utilizzare la sua esperienza per un'organizzazione di utilità pubblica?

La mia prima partecipazione attiva in una ONP risale alla mia adolescenza nel contesto delle campagne «Aiuto per madre e bambino». All'epoca, su richiesta di mia madre, io e i miei fratelli vendevamo sapone per la buona causa il sabato nella città vecchia di Berna. In seguito, il mio impegno sociale è stato talvolta richiesto nell'ambito della mia della mia professione di ginecologa o si è manifestato con donazioni regolari a un'associazione di donne, alla Catena della Solidarietà e sotto forma di contributi di membro e di patrocinio alla CRS e alla REGA.

Nella mia gioventù sono stato educato con la credenza che è nostro dovere usare i nostri talenti in modo sensato e offrire volontariamente il nostro contributo per fare la differenza. Ora, all'età di 62 anni, ho preso di nuovo a cuore questo principio e mi sono proposto per la candidatura a Presidente Centrale della SSTS.

Ha un legame particolare con la SSTS?

Sono colonnello dello Stato Maggiore della Sanità da dieci anni. È lì che ho sentito parlare dell'AULA per la prima volta. Il Medico in capo dell’esercito Stettbacher e il suo capo di stato maggiore, il colonnello Flückiger, hanno riferito delle loro visite al campo giovanile e hanno lodato la sua organizzazione e la motivazione di tutti i partecipanti. Allo stesso tempo, l'ufficiale specialista Jack Bähler è il dirigente del campo ed è responsabile della gestione del campo di formazione ogni anno.

Ho avuto una buona impressione del lavoro della SSTS come capo medico della «Patrouille des Glaciers» dal 2016 al 2020. La competizione internazionale a squadre organizzata dall'esercito svizzero è una delle gare di scialpinismo più difficili e più lunghe del mondo. Vi partecipano più di 5’000 concorrenti, tra cui circa 1’000 membri dell'esercito, e più di 40’000 visitatori. Come responsabile del servizio medico, potevo contare sul supporto affidabile e competente dei volontari della SSTS. Hanno fornito un servizio eccellente e professionale in alta montagna tra Zermatt e Verbier.

L'ultimo passo verso la SSTS è avvenuto finalmente tramite Jack Bähler, egli stesso membro del Comitato centrale e capo della tecnica della SSTS. Mi ha chiesto l'anno scorso, mentre il mio servizio d’assistenza nella pandemia di Covid-19, se volevo succedere a Jürg Schmutz come Presidente centrale della SSTS nel 2021. Come potete vedere, ho risposto «sì»! 

Cosa le sta particolarmente a cuore come presidente della SSTS?

Uno dei compiti principali della SSTS è la formazione e perfezionamento nel campo del salvataggio non professionale. Secondo un recente studio della CRS e di Helsana, meno della metà della popolazione svizzera è fiduciosa di poter prestare il «primo soccorso» in caso di emergenza. Visto così, è importante trasmettere queste conoscenze alla popolazione. Le nostre sezioni locali fanno un lavoro prezioso in questo senso, offrendo corsi pubblici. Non posso che incoraggiare tutti ad approfittare di tali offerte e ad imparare o rinfrescare le necessarie conoscenze di «primo soccorso».

A mio parere, la SSTS è unica perché i suoi membri fanno il loro lavoro esclusivamente nel loro tempo libero, con molto impegno e cuore e anima. Il volontariato fa parte della tradizione umanitaria della Svizzera, ma per renderlo attraente e rilevante in tempi di cambiamento, le organizzazioni devono affrontare grandi sfide. È importante assicurare il giusto equilibrio tra vita professionale e tempo libero, soprattutto perché il volontariato è anche un enorme arricchimento per la nostra organizzazione ed è assolutamente necessario. Perciò, insieme agli altri membri del Comitato centrale, voglio dare uno sguardo più attento alle nostre sezioni e creare per loro un quadro di apprezzamento e sostegno.

Organizzazione delegata dell'esercito svizzero

Organizzazione di salvataggio della Croce Rossa Svizzera